INTERPELLANZA URGENTE – Dicembre 2012 –

Ai Ministri dell’interno e della giustizia

Per sapere- premesso che:

Nella relazione “sul gruppo Separat e il contesto dell’attentato del 2 agosto 1980 ”, redatta dai consulenti della commissione Mitrokhin Gian Paolo Pellizzaro e Lorenzo Matassa nell’ambito dei lavori del predetto organismo bicamerale istituito durante la quattordicesima legislatura, viene menzionata una Nota datata 15 luglio 1981 inviata dal comandante del CS del Sismi di Perugia, Colonnello Roberto Russo, al direttore della Prima Divisione Generale Pasquale Notarnicola.
Nella Nota predetta verrebbero indicate le finalità del viaggio effettuato in Libano dal Dottor Domenico Sica, Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Roma, nei primi mesi del 1981.
Giusta tale informativa del Sismi, il Dott. Sica si sarebbe recato a Beirut anche al fine di “contrattare” con esponenti ufficiali del Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina la scarcerazione di Abu Anzeh Saleh, esponente della suddetta organizzazione detenuto in Italia e imputato nel procedimento penale presso la Corte d’Appello dell’Aquila istruito per la nota vicenda del sequestro dei missili sovietici avvenuto a Ortona nel novembre 1979. In occasione di tale incontro il Dott. Sica avrebbe assicurato ai rappresentati del FPLP palestinese che entro il settembre 1981 i magistrati italiani avrebbero accolto l’istanza di scarcerazione formulata dall’avvocato difensore di Saleh.
Per conoscere l’integrale contenuto della nota Sismi dinnanzi menzionata e per sapere se esso corrisponde a quanto indicato nella Relazione redatta dai consulenti della Commissione Mitrokhin Pellizzaro e Matassa. E per sapere se il surriferito incontro in Libano del Dott. Sica con esponenti ufficiali del FPLP palestinese fosse finalizzato all’espletamento di una rogatoria giurisdizionale o invece all’esercizio di un mandato governativo teso a stornare, attraverso lo strumento negoziale, il pericolo di una reiterazione di azioni di coartazione in danno dell’Italia.

Share Button

Leave a reply